Il paziente crede di essere

timthumb.phpPubblichiamo tre testi di Marco Giovenale, tratti da Il paziente crede di essere, Gorilla Sapiens Edizioni, 2016.
Buona lettura.

Fila

Di fronte al luogo del furto, con l’accoltellato in terra, si è formata ressa, ora una fila discreta.

Spontaneamente. Alcune decine di persone. Dimostrano attenzione, sono in fila per venire derubate e uccise

§ Continua a leggere

EX.IT – Antologia fuori contesto

Francesca Fiorletta e Massimiliano Manganelli

Ieri è stata presentata per la prima volta a Roma l’antologia di EX.IT – Materiali fuori contesto, a cura di Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Giulio Marzaioli e Michele Zaffarano.

Questo, dunque, il primo frutto dell’incontro di Albinea (RE) dello scorso aprile, che ha visto coinvolti poeti e critici, i primi direttamente parlanti e agenti sulla scena, i secondi ufficialmente silenti, finalmente e per una volta impiegati nel puro ascolto e nella piena fruizione dei lavori esposti dagli autori chiamati a partecipare al e soprattutto del progetto EX.IT. Continua a leggere

Post scriptum a Draft e notille su alcune scritture di ricerca

consist

Marco Giovenale, consist

Marco Giovenale

fortunatamente perdiamo informazioni, di continuo, e questo sgretolamento è un modo come altri per sopravvivere.

tale perdita è in grado di emettere radiazioni e stringhe di senso-non-senso che non hanno (che possono non avere) poi a loro volta valori informativi. non recuperano. non ce la fanno. possono non farcela – ad arrivare a nulla. (frecce che fabbricano in volo il proprio bersaglio: poi lo dissolvono un momento prima dell’impatto).

non stanno entro termini di retoriche connotate da marche stilistiche stabilite e socializzate, né entro termini di contenuti annessi per statuto al “sensato”. (per non dire al “bello”, o al “poetico”). Continua a leggere

Draft e notille su alcune scritture di ricerca

[In occasione di Poesia13 – Cantiere aperto di ricerca letteraria, una tre giorni di letture e discussioni aperte al pubblico, con poeti e critici, che si terrà a Rieti dal 17 al 19 maggio (qui maggiori dettagli), alla quale Portbou parteciperà, ospitiamo questo intervento di Marco Giovenale.]

aus kosuthMarco Giovenale

Una serie di appunti, schematica come quella che segue, può valere non come rapporto/supporto di poetica o campitura di un’area, ma forse come sequenza – per quanto prolissa – scarabocchiata sul notes proprio velocemente, quasi frettolosamente, prima di avventurarsi nel dialogo. Sul tema – o problema – della scrittura di ricerca o delle “scritture nuove” di ricerca. (E sui modi e motivi che ha la mia di ritenersi in queste inclusa).

Se di schema rapido si tratta, non ne verrà negata la natura distratta-provvisoria, niente affatto sistematica (nemmeno in quanto distratta). (Forse la regola è: essere talmente distratti da mandare a monte la regola[rità] della distrazione). Continua a leggere

EX.IT – Voci dal contesto

2013-04-14 12.49.07

Ancora pareri e impressioni, questa volta dai diretti organizzatori della manifestazione.

A Giulio Marzaioli e Marco Giovenale abbiamo chiesto perché fuori contesto. Ecco le loro risposte.

Marzaioli:

Giovenale:

Al termine delle tre giornate, poi, abbiamo domandato a Mariangela Guatteri e a Michele Zaffarano di darci un bilancio complessivo.

Guatteri:

Zaffarano:

EX.IT – Ancora sulla seconda giornata

Dopo la rassegna delle fobie e delle ossessioni condotta da Marco Giovenale, con una continua interrogazione sul linguaggio e sulle sue forme di semplificazione, esasperate fino a sfiorare (e quindi finalmente rivelare) la più ostinata menzogna della comunicazione, Alessandro Broggi c’introduce in un altro universo fasullo eppure, al contempo, esasperatamente reale: quello del disagio sociale, del plagio martellante che deriva e determina il vituperato senso comune.

Si tratta di una quotidianità mediatica e messianica, in cui «l’assedio delle informazioni» è preso a modello quale «unico referente emozionale» e la pretesa omologazione interpersonale svela, a ben guardare, tutto il suo potere alienante e costrittivo, ancora una volta claustrofobico e ossessionante. Siamo davanti, tanto per dare un’immagine, a supermercati che restituiscono la più empatica idea di famiglia, con un evidente surrogato tragicomico, misto di giocattoli alienanti e di fiabe appositamente preconfezionate.

Fiabe non certo ingenue sono pure le avventure del Leprotto di Andrea Raos, che apre tutta una serie di collegamenti Skype americani, in cui compaiono Jennifer Scappettone e Charles Bernstein, il quale si prodiga in un’esilarante e corrosiva abiura, parodicamente in favore dei «poeti accessibili».