Tesi di filosofia della poesia

Ogni volta che si critica il lirico, i seguaci del bel verso tornano a indignarsi che si è toccato il loro terreno. Sembra quasi che esista un confine dal quale bisogna tenersi lontani.

I depositari del verso lirico, siano essi autori siano essi critici, non contemplano nessun elemento che possa dirsi antitetico al loro interpretare il testo. Il discrimine diventa la vuota consistenza teorica concessa dalla leggibilità del testo. Continua a leggere