EX.IT – Seconda giornata

Nei testi di Fiammetta Cirilli e di Mariangela Guatteri, pur diversissimi tra loro, torna l’ossessione degli spazi chiusi, ordinati, incatenati. Lo spazio domestico e quello manicomiale diventano universi concentrazionari, con il risultato di mostrare la dicotomia tra schiavitù e libertà.

Questa stessa dicotomia si ripropone nel ragionamento sulla scrittura, tanto in Giulio Marzaioli, con la sua procedura di rovesciamento prospettico, tanto in Jean-Marie Gleize, che, partendo dalla vertigine del buio, arriva a ipotizzare una pagina nera: «Perhé il nero sta già lì. Uno scrivere che viene strappato a quel fondo».

Un’altra linea vede la continua interrogazione dell’opera stessa: è il caso di Rachel BlauDuPlessis col suo «elenco di oggetti inesplorabili», di Roberto Cavallera («avte visto in sogno una tal cifra com’era disegnata?») e soprattutto dell’esilarante muro di domande di Ron Silliman.

Continua…

Un pensiero su “EX.IT – Seconda giornata

  1. Pingback: i post di portbou su ex.it 2013 | slowforward

I commenti sono chiusi.