Consigli pratici di sopravvivenza alla continuazione del mondo. (3) Amelia Rosselli

copLe vacanze natalizie stanno volgendo al termine, e io mi sono resa conto che fra i consigli di sopravvivenza letteraria elargiti finora è mancata una certa componente poetica. Componente, invero, dalla quale difficilmente si può prescindere, di questi tempi soprattutto.
Sempre complicato effettuare una scelta, in un panorama tanto vasto (sebbene spesso bistrattato!). Eppure, mi viene subito in mente un’autrice in particolare, di cui proprio recentemente è stata ripubblicata L’opera poetica nella collana dei Meridiani di Mondadori.

Sto parlando della splendida Amelia Rosselli, e della sua passionale impronta alla continuazione del mondo, così magistralmente riletta e reinterpretata in versi. Versi dalla fortissima componente magmatica e sensoriale, dallo stile marcatamente transeunte e visionario, versi così squisitamente letterari e intimamente privati, insieme, da averla resa indubbiamente una delle maggiori poetesse del Novecento, e non soltanto italiano.

La lotta furente sempre ingaggiata contro se stessa, contro le strutture sociali precostituite, contro le gabbie metriche della placida sintassi canonizzata. Per estensione, potremmo definirla la lotta quotidiana dell’intera nostra umanità.

Ecco solo uno degli esempi della sua classe e eleganza poetica, dunque, che ci riporta inesorabilmente al caro tema della sopravvivenza, umana ancor prima che artistica.

Sopravvivere, anzi vivere, con passione.

La passione mi divorò giustamente

la passione mi divise fortemente

la passione mi ricondusse saggiamente

io saggiamente mi ricondussi

 

alla passione saggistica, principiante

nell’oscuro bosco d’un noioso

dovere, e la passione che bruciava

 

nel sedere a tavola con i grandi

senza passione o vedendola dimenticare

 

io che bruciavo di passione

estinta la passione nel bruciare

 

io che bruciavo nel dolore, nel

vedere la passione così estinta.

Estinguere la passione bramosa!
Distinguere la passione dal

 

vero bramare la passione estinta

estinguere tutto quel che è

 

estinguere tutto ciò che rima

con è: estinguere me, la passione

 

la passione fortemente bruciante

che si estingue da sé.

 

Estinguere la passione del sé!

estinguere il verso che rima

da sé estinguere perfino me

 

estinguere tutte le rime in

«e»: forse vinse la passione

estinguendo la rima in «e».

Un pensiero su “Consigli pratici di sopravvivenza alla continuazione del mondo. (3) Amelia Rosselli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...